Diretta Streaming su Tw Italia

Tutti i giorni alle h 18,00, in diretta streaming su Tele Web Italia, http://www.telewebitalia.eu e sui siti associativi, il dr Antonio Giangrande, Presidente nazionale dell’Associazione Contro Tutte le Mafie, risponde alle e-mail dei cittadini disperati ed inascoltati. Uno spazio senza censura e senza appannaggio, sì, ma anche senza dileggio o diffamazione. Un talk dove tutti hanno la possibilità di dare testimonianza o fare segnalazioni. Un modo nuovo di dare solidarietà ai più deboli e visibilità al malessere sociale, senza vincoli di casta.

Advertisements

IL TRUCCO DEL 5×1000: BENEFICIO, MA NON PER TUTTI.

Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 aprile 2010 si è previsto per il 2010 la possibilità per i contribuenti di destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef a finalità di interesse sociale. Associazioni ed enti pronti a rimpinguare le loro misere casse con l’adesione di cittadini seguaci delle loro attività. Sarebbe bello se non fosse tutto un trucco, così come ha constatato l’Associazione Contro Tutte le Mafie, che avrebbe investito quei contributi nei suoi siti web principali: d’inchiesta www.controtuttelemafie.it e di promozione del territorio www.telewebitalia.eu .

L’Agenzia delle Entrate ha imposto la presentazione delle richieste di ammissione al beneficio entro il 7 maggio 2010 e solo in forma telematica, nei modi e nelle forme previste dall’ufficio. Per farlo vi è l’obbligo dell’abilitazione ai servizi telematici.

Dal 23 aprile al 7 maggio ci sono 14 giorni, di cui solo 10 lavorativi.

In questi 10 giorni, molti richiedenti hanno provato ad inoltrare la richiesta, ma il sistema non ha riconosciuto la password e il pincode dell’anno precedente.

I contatti telefonici con l’agenzia (a pagamento) sono stati impediti dalla lunga lista d’attesa, (fino a 70 contribuenti).

La richiesta del nuovo pincode e password è rimasta disattesa nei termini, se non riceverla dopo 12 giorni dall’istanza. Le comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate non hanno alcuna data, per cui inutile contestare il ritardo, non avendo prova, né te la fornisce il servizio postale, che interpellato sull’apposizione della data di ricezione, ti dice: “noi non mettiamo alcuna data, altrimenti i ritardi dell’Agenzia delle Entrate ricadono su di noi”. In questo modo gli enti pubblici fanno ricadere le colpe sui contribuenti, che non possono provare il disservizio.

Comunque, se pur in palese ritardo, la richiesta del beneficio non si può inoltrare, in quanto avere il pincode e la password non basta. Dopo tutto il casino, nel momento in cui attivi i servizi telematici,  ti comunicano sul portale web dell’Agenzia che bisogna rivolgersi ad un incaricato terzo abilitato (a pagamento). Cosa che a saperla, si sarebbe potuta fare dall’inizio, senza aver percorso tutta la trafila burocratica inutile.

Risultato: in tempi ristretti e per i disservizi dell’Agenzia delle Entrate non tutti hanno potuto accedere al beneficio. Ed è solo una semplice istanza.

Il problema è che la prassi si ripete ogni anno e nessuno vi pone rimedio, mentre i contribuenti ignari pensano di aver donato una quota di tasse alla loro associazione, mentre i contributi, in realtà, vanno ad altri sodalizi.